A Campovalano riprendono gli scavi

Sono ricominciati ieri gli scavi per portare alla luce la tomba n°618 della necropoli di Campovalano (Teramo), necropoli tra le più importanti del Centro Italia, con tombe risalenti dalla fine dell’età del Bronzo alla conquista romana. Gli scavi sono attualmente seguiti dagli archeologi Vincenzo D’Ercole e Di Sabatino. Comuni alle sepolture di ambedue i sessi, […]

Sono ricominciati ieri gli scavi per portare alla luce la tomba n°618 della necropoli di Campovalano (Teramo), necropoli tra le più importanti del Centro Italia, con tombe risalenti dalla fine dell’età del Bronzo alla conquista romana. Gli scavi sono attualmente seguiti dagli archeologi Vincenzo D’Ercole e Di Sabatino.
Comuni alle sepolture di ambedue i sessi, all’interno delle oltre 600 tombe già scavate ed in mostra nel museo di Campli e di Chieti, sono i servizi di vasi in bronzo o in ceramica fatta a mano che testimoniano la rilevanza dell’ideologia del banchetto, significato simbolico rimarcato anche della presenza di gruppi di spiedi in ferro. Caratteristiche delle deposizioni maschili sono le armi mentre tipici delle tombe femminili sono alcuni strumenti di lavoro legati al cucito, alla tessitura e alla filatura (aghi, rocchetti, fusi e fuseruole)

Per informazioni 338.574.7393

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.