Confindustria: la fine della crisi è ancora lontana/video

La fine della crisi non è vicina. Lo confermano le ultime previsioni del Centro Studi di Confindustria, secondo le quali la ripresa arriverà solo a fine anno, quando l’ultimo trimestre del 2013 segnerà un timido recupero dello 0,2%. La fine del 2013 non coinciderà, infatti, con la conclusione della crisi, ma porterà con sé tutti […]

La fine della crisi non è vicina. Lo confermano le ultime previsioni del Centro Studi di Confindustria, secondo le quali la ripresa arriverà solo a fine anno, quando l’ultimo trimestre del 2013 segnerà un timido recupero dello 0,2%. La fine del 2013 non coinciderà, infatti, con la conclusione della crisi, ma porterà con sé tutti i sintomi di una malattia che non è ancora stata debellata. A fine anno il Pil subirà un calo dell’1,9% contro l’1,1% atteso. Nel 2014 si prevede un ulteriore crollo dei consumi e la crescita si fermerà ad un timido + 0,5%. Cresce anche la pressione fiscale che è salita al picco storico del 44,6% del Pil “e rimane insostenibilmente elevata nel 2014”, avvertono da Confindustria.

L’unico indicatore che salirà, in questo fine anno di lenta ripresa, è la disoccupazione, che raggiungerà il 12,4%, aumentando di altri 0,3 punti nel 2014. Dall’inizio della crisi, infatti, sono stati persi 700mila posti di lavoro che potrebbero salire a 817mila l’anno prossimo.

Per Confindustria, l’Italia ha toccato il fondo, “ma non ci sono ancora i germogli di ripresa che erano ben visibili nella primavera del 2009 e che sbocciarono in estate. Giusto a metà del 2013, sul finire del sesto anno della crisi, questo mazzo misto di evidenze sparse lascia solo intravedere l’avvio della risalita. Non costituisce solide fondamenta per prevederla”.

Agli industriali le misure sul lavoro intraprese dal governo piacciono, ma non sono sufficienti. “Il rinvio dell’Iva è un fatto positivo, ma non possiamo vederlo in un altro modo. – ha affermato il Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi. Altre sono le priorità dell’economia italiana secondo Confindustria: intervenire sul costo del lavoro e accelerare il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione, misura ritenuta “di fondamentale importanza, mentre le imprese soffrono per mancanza di credito e non possono portare avanti loro attività”, ha concluso Squinzi.

Guarda anche il video sul rapporto di Confindustria qui.

Lisa D’Ignazio