Salviamo la Cultura Italiana, esprimi una preferenza che può fare la differenza!

L’Associazione Nazionale Famiglie Emigrati (ANFE), storica associazione nata nel 1947, sta sostenendo il progetto promosso dal SalinaDocFest, il Festival del Documentario Narrativo che si tiene nell’isola di Salina, presieduto dalla regista Giovanna Taviani. L’obiettivo del progetto è quello di creare un grande patrimonio documentario narrativo che guardi al mondo, ai fenomeni migratori, alle storie dell’emigrazione […]

Le cose belle_1-793558_1_1L’Associazione Nazionale Famiglie Emigrati (ANFE), storica associazione nata nel 1947, sta sostenendo il progetto promosso dal SalinaDocFest, il Festival del Documentario Narrativo che si tiene nell’isola di Salina, presieduto dalla regista Giovanna Taviani. L’obiettivo del progetto è quello di creare un grande patrimonio documentario narrativo che guardi al mondo, ai fenomeni migratori, alle storie dell’emigrazione e dei nuovi migranti. Una piattaforma telematica cui tutte le scuole, italiane ed estere, potranno liberamente attingere per conoscere la storia e le nuove realtà attraverso un medium straordinario, qual è il cinema documentario narrativo.

“Una piattaforma online dedicata al documentario narrativo capace di concentrare l’esperienza del SalinaDocFest e del suo staff in merito a questo genere, oggi più che mai al centro dell’attenzione del grande pubblico. Basterebbe pensare a “Cesare deve morire“, dei fratelli Taviani, Orso d’Oro alla scorsa edizione del festival di Berlino e a “SacroGra“, di Gianfranco Rosi, vincitore alla 70a mostra del cinema di Venezia. Un archivio sempre aggiornato, una videoteca cui potere accedere liberamente, uno strumento didattico per scuole,università e centri di studio sul cinema e un sistema di raccolta fondi per quanti volessero sostenere, con il proprio contributo, progetti cinematografici validi e interessanti, altrimenti destinati a rimanere solo progetti, o talentuosi registi esordienti. È un sogno, un sogno per dare continuità e profondità all’incessante lavoro di ricerca del SalinaDocFest e di Giovanna Taviani, sostenitrice – da sempre – della capacità di penetrazione del documentario narrativo nell’interesse del grande pubblico. Ed è un sogno che puoi contribuire a trasformare in realtà con un semplice voto, attraverso un semplice click. Vota ora, e aiuta il SalinaDocFest a realizzare un grande progetto…”
Il Festival di Salina, affermatosi già da alcuni anni, partecipa quest’anno al concorso “cheFare2” che premia il miglior progetto con 100mila euro, con il voto pubblico. Il progetto è già stato selezionato con pochi altri da una giuria nazionale ed ora è sottoposto alla valutazione on line. Si può sostenerlo, esprimendo il vostro voto online, aprendo il sito http://www.salinadocfest2013.it/, dove troverete anche altre notizie. La votazione vi impegna solo un paio di minuti.

Goffredo Palmerini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.