TaorminaFilmFest, presentato il programma sotto il “segno delle Donne”

Nel giorno della presentazione a Roma della 60 edizione del Taormina Film Festival, i lavoratori e i collaboratori di Taormina Arte, pur permanendo la grave situazione di assenza di retribuzioni e compensi, ribadiscono il loro totale impegno nell’assicurare lo svolgimento della manifestazione anche in mancanza di erogazione di contributi da parte della Regione Sicilia. Si […]

taorminaNel giorno della presentazione a Roma della 60 edizione del Taormina Film Festival, i lavoratori e i collaboratori di Taormina Arte, pur permanendo la grave situazione di assenza di retribuzioni e compensi, ribadiscono il loro totale impegno nell’assicurare lo svolgimento della manifestazione anche in mancanza di erogazione di contributi da parte della Regione Sicilia.

Si continuerà con ferma determinazione nella ricerca di un progetto che possa consentire a Taormina Arte di uscire dalla precarietà economica e culturale in cui è stata cacciata. I riflettori sulla situazione di grave disagio non saranno abbassati. Il futuro della manifestazione nel suo complesso non può essere in discussione.

Costruiamo il futuro di Taormina Arte sarà il motivo che d’ora in avanti spingerà tutti ad una costante e forte riflessione per individuare un percorso giuridico, economico e culturale che dovrà sfociare nella costituzione di una Fondazione e cioè in una struttura capace di intercettare flussi economici diversi sia privati che pubblico.
Per il terzo anno consecutivo sotto la guida di Mario Sesti, Direttore Editoriale e di Tiziana Rocca, Generale Manager, il TaorminaFilmFest – 14-21 giugno – prosegue nella sua filosofia: grande Cinema al Teatro Antico, Masterclass e Campus per i giovani, Fright&Fun/Brividi e Risate, la sezione che propone, da tutto il mondo, commedie, thriller, horror; l’esplorazione delle nuove tendenze con le Webserie, Focus Russo e Argentino, il cinema dei Filmmaker Siciliani, Eventi Speciali, Star nazionali e internazionali e le serate dedicate alla Solidarietà.

“Una formula che abbiamo sperimentato in questi due anni, “eduglam” (ovvero “education”, le masterclass e i campus, + “glamour”), ha fatto sì che il pubblico sia aumentato del 30 per cento e che il Teatro Antico – dichiarano Mario Sesti e Tiziana Rocca –, si sia riempito, lo scorso anno, quasi fino ai 5mila spettatori, come non accadeva da circa 15 anni”.
“Siamo orgogliosi di presentare la 60esima edizione del Festival realizzata con grandissimi sacrifici – dichiara Eligio Giardina, Sindaco di Taormina -. Stiamo fronteggiando una drammatica situazione economica del Paese che ha colpito anche la Sicilia. Per questo voglio ringraziare Tiziana Rocca, Mario Sesti e le maestranze di Taormina Arte per il grande impegno nell’organizzare con un budget ristretto questa edizione che sarà comunque al top per celebrare degnamente i 60 anni”.

Il Festival compie 60 anni, un traguardo importante che viene festeggiato nel segno delle Donne, muse di questa speciale edizione sono Claudia Cardinale, Bo Derek, Melanie Griffith, Eva Longoria,Carmen Maura, Paz Vega.
Accanto a loro tante altre Donne, icone del cinema e della cultura italiana: Cristiana Capotondi, Marina Cicogna, Paola Cortellesi, Kim Feenstra, Isabella Ferrari, Vanessa Hessler, Fancesca Lo Schiavo, Margareth Madè, Vittoria Puccini, Valeria Solarino, Franca Sozzani, Barbara Tabita, Annamaria Tarantola.

L’apertura della 60^ edizione del Festival, la sera del 14 giugno al Teatro Antico, è affidata all’anteprima di Dragon Trainer 2 in 3D alla presenza del regista Dean DeBlois e della produttrice Bonnie Arnold. Secondo capitolo della divertente trilogia dedicata alle avventure del giovane vichingo Hiccup e del suo drago Sdentato, il film è prodotto da Dream Works e distribuito in tutto il mondo da 20th Century Fox e uscirà in Italia il 16 agosto.

La chiusura, il 21 giugno al Teatro Antico, sarà con una doppia anteprima, sempre presentata da 20th Century Fox con i primi 20’ di Apes Revolution: Il Pianeta delle Scimmie (in Italia il 30 luglio) di Matt Reeves, un film “apocalittico”, come lo definisce lo stesso regista, all’indomani della quasi totale autodistruzione del genere umano a causa di un virus creato in laboratorio; e a seguire la proiezione de La Ragazza del dipinto (Belle) di Amma Asante (uscita italiana il 28 agosto), ispirato alla vera storia di Dido Elizabeth Belle (Gugu Mbatha-Raw), la figlia meticcia e illegittima di un Ammiraglio della Royal Navy.

A Jim Gianopulos, Chairman & CEO, TCF Film Entertainment, sarà consegnato il Taormina Arte Award alla Carriera “per la sua passione instancabile e l’enorme apporto creativo e il contributo reso all’industria e alla comunità di chi fa cinema”.

Il Festival tributerà un omaggio a Philip Seymour Hoffman la sera del 17 giugno al Teatro Antico con l’anteprima del suo ultimo film Synecdoche, New York di Charlie Kaufman, omaggio che sarà presentato dal Vice President di “Variety” Dawn Allen e Serge Rakhlin, della Hollywood Foreign Press Association, insieme a Mario Sesti e Tiziana Rocca.
Il film, che esce in Italia con BIM il 19 giugno, segue le vicende di Caden Cotard (interpretato da Philip Seymour Hoffman), regista teatrale frustrato, afflitto da una misteriosa malattia e ossessionato dal timore della morte. Lasciato dalla moglie che intende proseguire la sua carriera come pittrice, Caden tenterà una breve relazione con una donna, prima che la sua vita inizi misteriosamente a trasformarsi. “Synecdoche, New York è forse il film più inventivo e personale dell’attore americano di maggior talento e risorse espressive degli ultimi vent’anni– dicono Mario Sesti e Tiziana Rocca  -. Siamo davvero felici e orgogliosi di ricordare Philip Seymour Hoffmann presentando questo film in anteprima per l’Italia nel nostro Festival: Taormina e la BIM, in questo modo, realizzano un omaggio ad un interprete che non vogliamo smettere di amare”

Ancora un’anteprima il 15 giugno, con “Jersey Boys” di Clint Eastwood, la versione per il grande schermo dell’omonimo musical vincitore del Tony Award. Il film narra la storia di quattro giovanotti che provengono dalla parte sbagliata del New Jersey, i quali si uniranno per formare il gruppo rock icona degli anni ’60, The Four Seasons. I loro trionfi e le difficoltà sono accompagnati da canzoni che hanno influenzato una generazione, tra le quali “Sherry”, “Big Girls Don’t Cry”, “Walk”. In Italia uscirà il 18 giugno distribuito dalla Warner Bros. Entertainment Italia.

Il Grande Cinema al Teatro Antico mette in scena anche l’argentino Vino para robar/To Fool a Thief di Ariel Winograd con Daniel Hendler, Valeria Bertuccelli in cui due ladri professionisti Sebastian e Natalia si incontrano durante un furto in un museo. E il francese Dans la cour di Pierre Salvadori con Catherine Deneuve, il cui protagonista è un rocker senza lavoro che accetterebbe di tutto pur di sopravvivere. Mentre dal Regno Unito arriva Walking on Sunshine di Max Giwa, Dania Pasquini in cui due sorelle, in vacanza in Puglia, si innamorano dello stesso ragazzo del luogo. Sulla scia di Mamma Mia! un musical estivo e colorato, pieno di canzoni pop degli anni ’80 e tutto ambientato nel Salento. Dagli Stati Uniti, infine, Cesar Chavez di Diego Luna con America Ferrera, Rosario Dawson e John Malkovich, film dedicato alla figura simbolo della lotta dei contadini messicani nella California degli anni Sessanta.

La 60^ edizione del Festival sarà preceduta il 13 giugno da una grande Anteprima a Messina, città dove il TFF è nato, con il Gala di Apertura in onore di Claudia Cardinale che riceverà un Premio dai Sindaci di Messina, Renato Accorinti e di Taormina, Eligio Giardina e dal Commissario della Provincia Regionale di Messina Filippo Romano.

In pratica sono oltre 50 film in programma divisi nelle diverse sezioni che seguono il filo conduttore del Festival che ogni anno punta sul mix tra horror e commedia e come ogni anno, accanto alle proiezioni, sono in programma le TaoClass, incontri con i grandi protagonisti del cinema internazionale, che dialogano della Settima Arte insieme a studenti, pubblico e stampa.

Le TaoClass vedranno quest’anno protagonisti, insieme al direttore Mario Sesti, i premi Oscar Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, Eva Longoria che parlerà anche dell’esperienza della Eva Longoria Foundation, Matt Dillon, Ben Stiller, Paz Vega e John Turturro.
Mentre i protagonisti dei Campus sono: Brando De Sica e Christian De Sica durante il quale sarà presentato il mediometraggio di Brando “La donna giusta”, Raoul Bova che presenterà in anteprima il film documentario di Ambrogio Crespi “Capitano Ultimo”, Marco Bocci che accompagna il film “Italo”, Valeria Solarino, Antonello Venditti, Bo Derek, Thione Niang, Paola Cortellesi e Giulio Scarpati. Due Campus sono poi dedicati alle Webserie il primo con Edoardo Ferrario e Valerio Bergesio, il secondo con Frank Matano. Mentre Ficarra e Picone racconteranno del prossimo film “Andiamo a quel paese”, prodotto da Medusa.

In occasione della 60^ edizione sarà pubblicato un volume filologico e commemorativo realizzato dallo scrittore Roberto Gervaso con la prefazione di Giuseppe Tornatore e un schizzo di Dante Ferretti, edito da Argos di Daniele Pergolizzi. Il libro, che ripercorre per immagini e parole la straordinaria moltitudine di personalità che negli anni ha calcato le scene della manifestazione da Cary Grant a Russel Crowe, da Marlene Dietrich a Sophia Loren, presenta anche un testo di Gianluigi Rondi, al quale quest’anno il festival consegna uno speciale Premio Taormina 60.

Una Mostra realizzata da Istituto Luce Cinecittà ripercorre attraverso immagini d’epoca i grandi momenti e i grandi personaggi che nel corso degli hanno popolato il Teatro Antico: Monica Vitti, David di Donatello nel ’61; Audrey Hepburn premiata nel ’62 come miglior attrice straniera per “Colazione da Tiffany”; Claudia Cardinale Premio Speciale David di Donatello nel ’61; Gina Lollobrigida che nel ’63 fu premiata per la sua interpretazione in “Venere Imperiale”. E, ancora, Tyrone Power, Anita Ekberg, Leslie Caron, Vittorio, Gassman, Cary Grant, Sophia Loren, Carlo Ponti,Vittorio De Sica, Jean Claude Brialy e tanti altri volti che hanno reso grande il cinema italiano e internazionale. A Palazzo Corvaglia sarà allestita una Mostra dedicata ai costumi de Il Gattopardo.

Con questa 60^ edizione viene inaugurata anche la prima edizione del premio “Cariddino d’Oro”. Grazie all’accordo con AGIS Scuola presieduta da Luciana Della Fornace, una Giuria Speciale di Giovani (è la Giuria Giovani dei David di Donatello) voterà il miglior film italiano presente al Festival.
Premio Cariddi TaorminaFilmFest/SNCCI

Ma, il Teatro Antico di Taormina è Grande Cinema ma anche scenario alle serate di Solidarietà. Anche quest’anno Tiziana Rocca, insieme a Mario Sesti, ha dedicato per ogni giorno del Festival un momento al sociale con eventi di grande impegno e in accordo con il Ministero per le Pari Opportunità prima di ogni film in programma al Teatro Antico sarà proietatto lo spot realizzato dallo stesso Ministero contro la violenza sulle donne.
Proprio in occasione dei 60 anni della manifestazione che, come detto, è nel segno delle Donne, la prima serata viene inaugurata in onore di D.I.RE, Donne in Rete Contro la Violenza. La madrina della serata sarà Margareth Madè.
Ci sarà una giornata per il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), l’agenzia umanitaria, impegnata in quasi 80 paesi nel portare assistenza alimentare ai più bisognosi. Saranno presenti il Direttore Esecutivo del WFP Ertharin Cousin che riceverà l’Humanitarian Taormina Award e l’Ambasciatrice del WFP Franca Sozzani. Quella a favore dell’Associazione Sekondo Me, dedicata agli adolescenti e alle loro famiglie dando loro l’opportunità di affrontare i disagi adolescenziali nel migliore dei modi. C’è poi la Eva Longoria Foundation nata per aiutare i bambini disabili attraverso una formazione a 360 gradi per costruire un futuro migliore per loro e le loro famiglie attraverso l’educazione e l’imprenditorialità.
Vittoria Puccini, da sempre sostenitrice sarà presente, alla serata dedicata all’Associazione Foemina, fondazione per la maternità e la salute della donna e del neonato. Un occhio particolare ai bambini è quello dell’Associazione Intervita che lotta contro la povertà e la fame nelle zone maggiormente colpite come l’Africa.
Il TaorminaFilmFest si concluderà con altre due associazioni molto importanti:  CBM dedita a sconfiggere le forme evitabili di cecità e di disabilità fisica e mentale nei Paesi più poveri del mondo e in onore della quale Silvio Soldini ha dedicato il documentario Felice in India; e Telethon che dal 1990 sostiene la ricerca scientifica di eccellenza per lo studio e la cura delle malattie genetiche, con l’obiettivo di sviluppare terapie efficaci contro queste gravi patologie.