Può una rosa alimentare una luce sul comodino?

Una luce sul comodino alimentata da una pianta d’appartamento? E’ possibile? Un articolo “The New York Times” riporta uno studio a riguardo. Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Advances, degli ingegneri in Svezia hanno pensato di introdurre circuiti elettronici in piante vive. Gli scienziati hanno messo nell’acqua delle piante un polimero solubile chiamato PEDOT-S. […]

Una luce sul comodino alimentata da una pianta d’appartamento? E’ possibile? Un articolo “The New York Times” riporta uno studio a riguardo. Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Advances, degli ingegneri in Svezia hanno pensato di introdurre circuiti elettronici in piante vive.

Gli scienziati hanno messo nell’acqua delle piante un polimero solubile chiamato PEDOT-S. Dopo che le piante hanno assorbito l’acqua, il polimero indurito rimasto si è distribuito attraverso l’impianto come un conduttore “wire”. I ricercatori hanno effettuato lo studio sia su una rosa tagliata, che su un’intera pianta vivente di rose. Combinando i fili con elettroliti naturalmente presenti nella pianta, i ricercatori sono stati in grado di creare un transistor che converte i segnali elettrochimici in potenza elettrica.

In futuro, questa tecnologia potrebbe aiutare a regolare la fisiologia delle piante, per esempio controllare la quantità o il tempo di fioritura, basandosi sulle condizioni climatiche o alla disponibilità di acqua, ha detto Magnus Berggren, un ingegnere dei materiali presso la Linköping University e uno degli autori dello studio.

Ma l’esperimento suggerisce anche che potrebbe essere possibile raccogliere energia da piante e alberi. Gli importi sarebbero limitati, ma pochi volt potrebbe essere sufficiente per alimentare piccoli gadget. “Oggi il modo più naturale per convertire l’energia chimica di un albero è quello di bruciare, ma forse si potrebbe effettivamente prendere delicatamente fuori parte dell’energia senza uccidere”, ha detto il dottor Berggren.

Chiara Locorotondo