Governo, Meloni: “Presidenzialismo è sfida Centrodestra. Portiamo questa battaglia insieme”

Il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in un video su Facebook , ha detto: “Se il Presidente della Repubblica vuole nominare i ministri allora il Presidente della Repubblica deve farsi eleggere dai cittadini, che è la storica proposta di Fratelli d’Italia e della destra italiana: elezione diretta del Capo dello Stato. È una battaglia […]

Il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in un video su Facebook , ha detto: “Se il Presidente della Repubblica vuole nominare i ministri allora il Presidente della Repubblica deve farsi eleggere dai cittadini, che è la storica proposta di Fratelli d’Italia e della destra italiana: elezione diretta del Capo dello Stato. È una battaglia che facciamo da decenni e che torna a maggior ragione oggi in auge. Fratelli d’Italia inizia da oggi su tutto il territorio nazionale la sua raccolta di firme per chiedere l’elezione diretta del Capo dello Stato. Sabato 2 e domenica 3 giugno saremo in tutta Italia ed è possibile firmare sul nostro sitowww.fratelli-italia.it. Dove le cose funzionano già, noi eleggiamo i nostri sindaci, i presidenti di Regione, i presidenti di Municipio nelle grandi città. Qui ne abbiamo un esempio: il governatore della Liguria Giovanni Toti è testimonial della nostra campagna. Firmate sul sito e nei banchetti e sostenete la nostra battaglia: l’elezione diretta del Capo dello Stato. È una sfida per tutto il centrodestra. Portiamo avanti questa battaglia insieme”.

Il primo a firmare per l’elezione diretta del Capo dello Stato è stato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che nel video ha detto: “Scegliamo il Presidente della Repubblica. Diamogli i poteri che merita avere il presidente di una grande democrazia come l’Italia, però facciamolo scegliere ai cittadini. È bene ricordarlo, lo abbiamo detto tante volte: è una battaglia storica del centrodestra, lo è sempre stata nella Seconda Repubblica. Fratelli d’Italia fa bene a ricordarlo ogni volta che è possibile. Speriamo che prima o poi il Parlamento decida di farlo”.