Coronavirus. Brusaferro: “Target virus anziani e con patologie pregresse”

Il grande aumento dei deceduti (oggi 792) ‘con’ coronavirus, lo spiega nella consueta conferenza stampa con Angelo Borrelli, il presidente dell’Istituto superiore di Sanita’, Silvio Brusaferro: “I dati- dice- si basano su un’analisi precisa delle cartelle cliniche. Quello che avviene, soprattutto quando si e’ avanti negli anni e portatrici di patologie, e’ che una polmonite […]

Il grande aumento dei deceduti (oggi 792) ‘con’ coronavirus, lo spiega nella consueta conferenza stampa con Angelo Borrelli, il presidente dell’Istituto superiore di Sanita’, Silvio Brusaferro: “I dati- dice- si basano su un’analisi precisa delle cartelle cliniche. Quello che avviene, soprattutto quando si e’ avanti negli anni e portatrici di patologie, e’ che una polmonite crea quel livello di insufficienza che sommandosi alle altre insufficienze finisce per sbilanciare la capacita’ di mantenere un equilibrio”. Insomma, “abbiamo evidenza- dice Brusaferro- che la polmonite scompensa una situazione, dove l’elemento aggiuntivo fa da elemento scatenante”. Da qui il numero impegnativo di decessi fra gli anziani o chi ha patologie pregresse: “Tutte le vite sono preziose- sottolinea Brusaferro- ma questo e’ il target di questo virus. Anche per questo abbiamo sempre detto ‘state a casa’. Questa proibizione parte dall’assunzione che queste persone sono veramente fragili” ed e’ facile che si contagino ha concluso Brusaferro esortando ancora a rispettare le diretteive del governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.