Coronavirus. Conte: “Chiudiamo ogni attività produttiva non indispensabile”

“Oggi abbiamo deciso di compiere un altro passo: il governo decide di chiudere nell’intero territorio nazionale ogni attivita’ produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali. Al di fuori delle attivita’ essenziali consentiremo solo lo svolgimento di lavoro in modalita’ smart workinig e solo le attivita’ produttive ritenute comunque […]

“Oggi abbiamo deciso di compiere un altro passo: il governo decide di chiudere nell’intero territorio nazionale ogni attivita’ produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali. Al di fuori delle attivita’ essenziali consentiremo solo lo svolgimento di lavoro in modalita’ smart workinig e solo le attivita’ produttive ritenute comunque rilevanti per la produzione nazionale. Lo Stato c’e’. Rallentiamo il motore produttivo del paese ma non lo fermiamo. Non rinunciamo al coraggio e alla speranza nel futuro.
Continueranno a rimanere aperti tutti i supermercati, tutti i negozi di generi alimentari e di prima necessita’. Non abbiamo previsto nessuna restrizione sugli orari di apertura dei supermercati. Non c’e’ ragione di fare una corsa agli acquisti e di creare code che in questo momento non si giustificano affatto. Continueranno a rimanere aperti farmacie e parafarmacie. Assicureremo i servizi bancari, postali, assicurativi, finanziari, assicureremo tutti i servizi pubblici esenziali, ad esempio i trasporti. Anche tutte le attivita’ funzionali a quelle essenziali”. Lo ha detto il presidente del consiglio Giuseppe Conte nel corso di una diretta.