Zona Franca: Chiodi, merito anche a Tancredi

La commissione Bilancio del Senato ha approvato l’emendamento che dispone alcune variazioni alla zona franca urbana per i territori colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, in particolare il ripristino di quella urbana per il Comune dell’Aquila. A dare l’annuncio sono il commissario per la ricostruzione e presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, il vice […]

Foto: Manuel Romano

La commissione Bilancio del Senato ha approvato l’emendamento che dispone alcune variazioni alla zona franca urbana per i territori colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, in particolare il ripristino di quella urbana per il Comune dell’Aquila. A dare l’annuncio sono il commissario per la ricostruzione e presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, il vice commissario, Massimo Cialente, sindaco dell’Aquila, e il vice presidente del Consiglio regionale, Giorgio De Matteis. Chiodi e De Matteis lodano in particolare l’impegno del senatore di maggioranza, Paolo Tancredi, “a sostenere questa causa importante per il rilancio dell’economia aquilana”. L’emendamento è stato sottoscritto da tutti i senatori abruzzesi. Il testo della manovra prevedeva la soppressione delle zone franche urbane su tutto il territorio nazionale e la loro conseguente sostituzione con aree cosiddette ‘a burocrazia zero’, affidando ai sindaci la responsabilità di assegnare direttamente alle imprese le risorse finanziarie. L’emendamento approvato di fatto reintroduce la previsione di una zona franca per il Comune dell’Aquila e prevede il raddoppio dello stanziamento economico, che passa da 45 a 90 milioni di euro.