Ance Pescara e Sindacati al rinnovo del contratto: aumento in busta paga e servizi gratuiti dalla Cassa Edile

Busta paga più pesante già da settembre per i dipendenti delle imprese edili di Pescara: così hanno deciso Ance Pescara e sigle sindacali Feneal -Uil, Fillea CGIL e Filca Cisl che a firme congiunte ieri hanno depositato il contratto alla locale DTL Dunque, arrivano gli aumenti previsti dal contratto provinciale sottoscritto lo scorso 13 settembre: […]

Busta paga più pesante già da settembre per i dipendenti delle imprese edili di Pescara: così hanno deciso Ance Pescara e sigle sindacali Feneal -Uil, Fillea CGIL e Filca Cisl che a firme congiunte ieri hanno depositato il contratto alla locale DTL
Dunque, arrivano gli aumenti previsti dal contratto provinciale sottoscritto lo scorso 13 settembre: “nonostante la crisi abbia ridotto di molto le attività delle imprese – ha detto Marco Sciarra Presidente Ance Pescara – gli imprenditori dell’ANCE hanno voluto sostenere impiegati e maestranze con l’aumento di circa 140 € l’anno, che in caso ripresa cresceranno ancora con il meccanismo dell’elemento variabile della retribuzione”.

Ma non è tutto perché “gli aumenti concessi sono stati estesi anche ad altre tipologie: infatti quelli dell’indennità di mensa e soprattutto dell’indennità di trasporto sono stati incrementati anche nei casi di semplice spostamento del lavoratore dalla sua abitazione fino alla sede dell’azienda o al punto di raccolta, fatto che risulta in netta controtendenza rispetto agli altri accordi di settore” – ha precisato il Direttore di Confindustria Chieti Pescara Luigi Di Giosaffatte.
“Aggiungo una novità assoluta ed un dato significativi – conclude Di Giosaffatte. La novità è che i lavoratori da oggi potranno avvalersi dell’assistenza fiscale a spese della locale Cassa Edile, per intenderci quella che accantona a favore dei lavoratori le retribuzioni per ferie, tredicesima e festività nonché i versamenti per l’Anzianità Professionale Edile APE (scatti di anzianità che, diversamente, in un settore ad alta mobilità di manodopera, il lavoratore rischierebbe di perdere nel passaggio da un’azienda all’altra).Il dato è che secondo i dati CNCE, la Cassa Edile di Pescara ha un valore percentuale di accantonamento dell’APE sensibilmente più alta rispetto al sistema alternativo dell’intero comparto edile abruzzese, segno che l’erogazione delle somme a favore degli operai avviene automaticamente, senza che i lavoratori debbano fare domande e solleciti ma con il semplice calcolo delle ore effettivamente lavorate e contribuite da parte delle aziende”.

Il Presidente Sciarra annuncia benefit anche per le Aziende: “le imprese beneficeranno di una consistente riduzione del contributo Cassa Edile in quanto la percentuale dell’APE a loro carico passa dal 3,80% al 2,25% dell’imponibile Cassa, ciò grazie alla possibilità di utilizzare il consistente fondo di riserva accumulato negli anni migliori e anche grazie all’oculatezza di gestione della Cassa Edile di Pescara.
Da ultimo, una chicca: un premio di regolarità contributiva per le imprese virtuose che effettuano versamenti per almeno 1450 ore lavorate all’anno per il 70% dei lavoratori in forza. Con tanto di franchigia del 30% per tenere conto della tradizionale mobilità occupazionale del comparto”.