Sociale. Raccolta medicine in 260 farmacie in Italia

Una raccolta farmaci e parafarmaci, a favore della Croce Rossa Italiana, che li impiegherà per sostenere le fasce più vulnerabili della popolazione, alle prese con difficoltà crescenti, a causa degli effetti socio-sanitari della pandemia e delle attuali crisi internazionali. A lanciarla in 260 farmacie in Italia LloydsFarmacia. L’iniziativa, in corso, durerà fino al 13 novembre. […]

Una raccolta farmaci e parafarmaci, a favore della Croce Rossa Italiana, che li impiegherà per sostenere le fasce più vulnerabili della popolazione, alle prese con difficoltà crescenti, a causa degli effetti socio-sanitari della pandemia e delle attuali crisi internazionali. A lanciarla in 260 farmacie in Italia LloydsFarmacia. L’iniziativa, in corso, durerà fino al 13 novembre. Nel 2021 sono state 2 milioni le persone che hanno ricevuto aiuti alimentari e 60.000 le richieste di supporto psico-sociale. Chi vuole, infatti può aggiungere ai propri acquisti un farmaco da banco o un parafarmaco, a scelta tra quelli selezionati dalla Croce Rossa Italiana, con un’attenzione particolare ai bambini. Sono circa 60.000 i farmaci resi disponibili alla Cri per progetti socio-sanitari (tra cui “Officine della Salute”) e per l’emergenza Ucraina, attraverso il sostegno e le campagne LloydsFarmacia, dal 2021 ad oggi. “Siamo orgogliosi di essere al fianco della Croce Rossa Italiana- ha commentato Domenico Laporta, amministratore delegato di Admenta Italia-LloydsFarmacia- Ci motiva, oggi più che mai, la consapevolezza che sono in atto trasformazioni ed eventi epocali, ormai da diversi anni. Sempre più fasce della popolazione non possono permettersi servizi e prodotti essenziali”. D’altro canto, ha proseguito, “l’assistenza e la vicinanza alle fragilità da parte della Croce Rossa, fa onore all’impegno dei loro esperti e dei volontari che operano ogni giorno, anche in condizioni di estrema delicatezza e pericolosità, in Italia e nel mondo”. La pandemia ha sottolineato Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa Italiana, “ha amplificato le disuguaglianze sanitarie e sociali, generando nuove vulnerabilità. L’emergenza da Covid-19 non è ancora finita e ha gravi conseguenze nelle fasce più fragili della popolazione. Con iniziative come questa, con il lavoro dei nostri volontari, possiamo dare supporto ai più deboli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.